bonus pubblicità

In questi mesi si è parlato molto del Bonus Pubblicità 2020, e di quali spese possano rientrare o meno ai fini dell’ottenimento del credito di imposta.

Esso ha l’obiettivo di aiutare le aziende ed i professionisti a crescere utilizzando la pubblicità.

Vediamo quindi nello specifico di cosa si tratta, le spese ammesse e come farne richiesta in questo breve articolo.

Cosa è

Il Decreto Rilancio, pubblicato nella G.U. del 19 maggio 2020, prevede un credito d’imposta del 50% del totale delle spese per investimenti pubblicitari, solo se effettuate nell’anno 2020, a prescindere dal valore degli investimenti degli anni precedenti.

bonus pubblicità

Il credito d’imposta è la somma che posso utilizzare per ridurre le imposte.

Facciamo un esempio pratico:

1.     nella dichiarazione dei redditi  2021 devo versare 8.000 euro di imposte;

2.     ho effettuato investimenti pubblicitari nel 2020 pari a 10.000 euro, che danno diritto a un credito d’imposta di 5.000 euro;

3.     nel 2021 verserò 8.000-5.000= 3.000 euro di imposte.

Spese ammesse al bonus pubblicità

Le spese ammesse sono quelle relative all’acquisto di spazi pubblicitari su magazine stampati, digitali e siti internet con la fondamentale condizione che devono essere testate giornalistiche, iscritte al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione), con un direttore responsabile di riferimento, con i seguenti limiti:

“…Il beneficio è concesso nel limite di 40 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online, e nel limite di 20 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, (MISE: e nazionali) analogiche o digitali.”

Bonus pubblicità, non rientrano nell’agevolazione

Veniamo all’aspetto piu’ importante che riguarda appunto quali sono le spese pubblicitarie che non rientrano nell’agevolazione.

Contrariamente a quello che noi tutti ci aspettavamo, soprattuto in questa epoca legata al digitale, le spese di advertising sostenute sui canali digital per eccellenza non sono riconosciute come valide.

E quindi rimangono fuori tutte le spese pubblicitarie:

●     sui social media (Facebook, Instagram, Youtube, Twitter, ecc);

●    acquistata attraverso gli spazi di pubblicità di Google;

●      per la produzione di volantini cartacei periodici.

Come funziona la richiesta del beneficio

Ci sono due fasi distinte:

1)    comunicare il totale di spesa per “prenotare” il credito d’imposta, compilando il Modello predisposto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento per l’informazione e l’editoria, tra il 1 e il 30 settembre 2020;

2)    presentare la dichiarazione telematica bonus pubblicità dal 1° al 31 gennaio 2021.

Entro marzo 2021 saranno rese note le aziende ammesse al credito dal Dipartimento per l’Informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Category
Tags

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 Best Tech Solutions di Cellini Christian p.iva 15760991008   | Privacy Policy | Cookie Policy | Email: [email protected]